cartoncino cartotecnica

 

A seconda del packaging da realizzare, la scelta della materia prima è fondamentale per la resa finale e per la valorizzazione del suo contenuto.

Nel nostro settore la scelta tra i vari tipi di cartoncino disponibili non è certo facile, ci troviamo di fronte ad una vastissima scelta. Ogni tipologia di cartoncino è caratterizzata da una finitura che ne determina l’aspetto visivo, e una grammatura che ne stabilisce la densità. Non è sempre vero che una maggiore grammatura corrisponde a uno spessore maggiore, quest’ultimo varia in base alla composizione del cartoncino: un cartoncino riciclato rispetto ad una fibra vergine di pari grammatura, avrà uno spessore inferiore.

Per scegliere tra i vari tipi di carta è utile conoscere le tipologie, le macrocategorie più comuni sono tre:

– pura cellulosa

– fibre vergini

– riciclata

Il cartoncino di pura cellulosa è composto da sole fibre di cellulosa sbianchite, il risultato è un cartoncino con eccellenti caratteristiche meccaniche e di stampabilità.

Il cartoncino composto da fibre vergini contiene pura cellulosa e lignina, grazie a quest’ultima ha un’elevata resistenza allo strappo, ottima rigidità e resistenza all’umidità.

Il cartoncino riciclato è composto da più strati di materiale riciclato, viene reso stampabile grazie ad uno o più strati di patina sulla copertina, è economico, ecologico, robusto e di bell’aspetto.

Esistono poi tantissimi altri tipi di cartoncini particolari: marcati, goffrati, metallizzati, perlescenti…

Ogni cartoncino è in grado di trasmettere un messaggio, è importante scegliere quello giusto per ottenere ottimi risultati in linea con le proprie esigenze e aspettative.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *